Crispiano

Crispiano

Nel cuore della Puglia, ai piedi della Murgia e a due passi dalla Valle d’Itria, vi è un meraviglioso paesaggio costellato da splendide masserie. È il famoso territorio delle cento masserie di Crispiano, oggi riconosciuto come “Unicità” della Regione Puglia.

Paese dalle origini molto antiche, Crispiano è stato abitato fin dalla preistoria, come testimoniano numerosi reperti di epoca greca, tra cui un interessantissimo “corredo tombale” del IV secolo che costituisce uno dei pezzi più importanti dei famosi “Ori di Taranto” .

13770

ABITANTI

ITALIA

LUOGO

111 

km²

In un suggestivo percorso fra colline mediterranee e pianure ricoperte da imponenti ulivi secolari, chilometro dopo chilometro, si incontrano masserie la cui epoca di costruzione oscilla tra il XV e il XIX secolo e le cui varianti architettoniche spaziano dalle più piccole masserie rurali alle più imponenti strutture a corte chiusa con mura fortificate.

Molto importante è la possibilità di fruire di una serie di percorsi turistici tematici, culturali naturalistici archeologici ed eno-gastronomici attaverso i quali è possibile degustare i prodotti di eccellenza di questa antica terra baciata dal sole. Gli itinerari più interessanti si snodano attraverso le visite guidate  nelle masserie, nelle gravine, nel centro storico, e nello splendido scenario delle Grotte del Vallone  XII-XIII secolo  che, dal luglio 2016  hanno ottenuto la certificazione Herity.

Nella città delle 100 masserie dal fertile territorio, ci si può immergere nella cultura e le tradizioni contadine o andare alla scoperta di grotte e cripte.

Ad appena 15 km da Taranto, Crispiano conserva ancora una natura semplice e profondamente legata alla terra.

Il piccolo centro sorge sulle due sponde delVallone Lizzitello ricoperto di boschi, ma per apprezzarne l’antica essenza ci si può addentrare nelle sue bellezze incastonate nella roccia come la Cripta di Santa Maria o la Grotta della Stinge dalle suggestive conformazioni carsiche tondeggianti.